Nicola Nocella

Giordano, 23 anni, un tipo ciotto dall’aria vintage, è cresciuto tra marce della pace, sit-in e manifestazioni. Vede il mondo attraverso le sue idee politiche marxiste.
È polemico e contestatore. Studia Giurisprudenza. Perorare cause è già la sua principale attività. Si indigna per le ingiustizie sociali e anche con i suoi amici quando compiono azioni a suo dire irrispettose. La sua formazione è ancora molto acerba, ma ci mette dell’impegno nel sostenere a tutti i costi un’idea.

Non è quello che si definisce un figurino, preferisce allenare il suo stomaco con würstel e cibi dal potente tasso calorico, ma non mangerebbe mai un cheeseburger del Mc Donald, alta espressione del Capitalismo globale, a suo dire. Parte in vacanza con i suoi amici. Del gruppo è forse il più maturo.

È molto attratto dalle donne, ma non ha mai avuto una ragazza, il suo sogno alternativo lo risucchia e non riesce a concludere nulla, anzi, nemmeno ci prova.

Nicola Nocella è nato a Terlizzi, in provincia di Bari. Diplomato al Centro Sperimentale Cinematografia – Scuola Nazionale di Cinema, lavora tra cinema, televisione e teatro.
Nel 2010 è protagonista del film di Pupi Avati “Il figlio più piccolo” al fianco di Christian De Sica, Laura Morante e Luca Zingaretti, film per la cui interpretazione vince il Premio Speciale ai Nastri d’Argento anche a Nico come migliore attore esordiente.